Cracco: «Il futuro? Sarà Cucinare senza grassi»

Cucinare senza grassi e senza sale? Si può, basta «metterci la testa, studiare un poco ed ecco nascere un gran piatto». Parola di Carlo Cracco, il vicentino chef stellato e nota star tivù di Masterchef.

La tendenze in cucina degli ultimi anni, e di questo 2014 sembrano confermare le sue parole.  «La cucina sostenibile – afferma Cracco – aiuta a trovare e a mantenersi il cliente, non lo puoi ammazzare a colpi di grassi». La cucina del senza, promossa dall’ideatore di Gusto In Scena, il giornalista e gastronomo Marcello Coronini, ha dato lo spunto tempo fa a queste considerazioni.

«È normale che entri nei ristoranti stellati – dice lo chef – già si fa ogni tanto, anche se avere un menu specifico è ancora un po’ difficile, bisogna studiarci, lavorarci». Cracco riesce a conciliare i suoi impegni di chef e di star tivù? «La celebrità è un problema solo se prende il sopravvento sul resto – ha spiegato lo chef vicentino – ma non è questo il caso».

Se avete sempre sognato di averlo con voi, nella vostra cucina, questo è il momento giusto. Perché Carlo Cracco, uno dei volti del food televisivo più amati dai telespettatori e il giudice più temuto dai concorrenti di Masterchef e Hell’s Kitchen, il vero creativo della cucina italiana, è pronto ad accompagnarvi tra i fornelli con un corso tutto per voi. È racchiuso nel suo nuovo libro, uscito il 12 novembre: Dire, Fare, brasare (Rizzoli), che racconta i segreti e le tecniche che un bravo cuoco deve sapere mettere in pratica a occhi chiusi.

Dalla brasatura alla cottura sottovuoto, vi accompagna in un percorso di lezioni suddivise tra teoria e pratica, con 40 ricette presentate in ordine crescente di difficoltà. Un libro fondamentale, se anche voi avete il sogno un giorno di arrivare tra i banchi di Masterchef, e utilissimo per preparare cene memorabili. Attenzione però: il libro potrebbe far crollare qualche certezza a coloro che si sentono esperti. Perché lo chef Cracco è sempre pronto a spiazzare.

(foto credits: ristarentecracco.it)

Next Post:
Previous Post:
This article was written by

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *